Esplora contenuti correlati

Celebrazioni del 4 novembre e desiderio di pace

Domenica 5 novembre 2023 le classi quinte della Scuola Primaria e un gruppo di alunni in rappresentanza delle classi terze della Scuola Secondaria di 1^ grado hanno partecipato  alle celebrazioni del 4 novembre, giorno dell’Unità Nazionale, delle Forze armate, della commemorazione dei caduti della Prima Guerra mondiale e di tutte le guerre. Durante la commemorazione gli alunni  hanno espresso il loro  desiderio di pace.

“24 febbraio 2022 : guerra tra Ucraina e Russia. 7 ottobre 2023:  guerra tra  Israele e Striscia di Gaza. Allontanandoci dall’Europa e dal Medio Oriente ancora altre guerre, spesso dimenticate, in Africa e in Asia. A scuola abbiamo studiato che, dopo la Seconda guerra mondiale, fu creata l’Organizzazione delle Nazioni Unite,  per mantenere la pace e la sicurezza internazionale, per promuovere il progresso  di tutti i popoli e  il rispetto dei diritti umani.  Si voleva costruire un mondo di pace, però non è quello che noi oggi vediamo.

I grandi non hanno imparato nulla dalle tragedie del passato e fanno credere alle nuove generazioni che la guerra sia il modo migliore  per risolvere i contrasti tra i popoli.

Ma la guerra è un incubo che distrugge il presente e il futuro delle persone:  alla televisione vediamo case sventrate dalle bombe e superstiti che scavano tra le macerie. Sentiamo parlare di  feriti, ostaggi, morti, di violenze di ogni genere  perché nella guerra l’uomo sprofonda nell’abisso del male.

La guerra è come un fuoco che divampa, brucia tutto e lascia dietro di sé solo cenere.

Per questo non deve morire la speranza di costruire la pace”.

torna all'inizio del contenuto